Remissioni durevoli di LAL con linfociti T chimerici

Remissioni complete stabili possono esser ottenute nel 90% dei pazienti con leucemia acuta linfoblastica (LAL) recidivata o resistente trattati con l’infusione di linfociti T autologhi trasdotti con un recettore antigenico chimerico diretto verso l’antigene CD19, utilizzando un vettore lentivirale. Questi i risultati ora pubblicati dello studio CART19 (Maude SL et al. N Engl J Med, 2014;371:1507-17), condotto su 30 pazienti, di età compresa fra 5 e 60 anni, con LAL CD19+ in recidiva (in 18/30 casi dopo trapianto allogenico) o con refrattarietà primitiva.

La remissione completa è stata ottenuta in 27 pazienti (90%), inclusi 2 casi con malattia refrattaria al trattamento con blinatumomab, 19 dei quali ancora in remissione (in 15 casi senza nessun trattamento ulteriore) con un follow-up mediano di 7 mesi (range: 1-24 mesi). A 6 mesi, il tasso di sopravvivenza libera da eventi è stato pari al 67% e la sopravvivenza globale pari al 78%. Il principale effetto collaterale associato all’infusione delle cellule chimeriche è stato la comparsa di “cytokine-release syndrome”, osservata in tutti i pazienti e che è stata grave nel 27% dei casi (particolarmente nei pazienti con larga massa di malattia). Inoltre, in 13 pazienti sono stati osservati eventi avversi neurologici (da delirio a encefalopatia, tutti risolti spontaneamente).

«Tentativi di ingegnerizzare linfociti T per ottenere l’espressione di anticorpi chimerici diretti versi antigeni tumorali sono stati effettuati per più di 20 anni», scrivono gli autori dello studio, «ma i progressi clinici sono stati limitati dalla scarsa espansione in vivo delle cellule modificate e dalla loro corta persistenza dopo l’infusione. Nel nostro studio, abbiamo osservato una persistenza prolungata dei linfociti chimerici e dell’aplasia B cellulare fino a 2 anni dopo l’infusione. I risultati ottenuti sono particolarmente incoraggianti in una categoria di pazienti a prognosi significativamente sfavorevole, nei quali remissioni complete non vengono osservate in più del 20-40% dei casi e la sopravvivenza a lunga termine è molto scarsa».

Fonte: New England Journal of Medicine

PubMed link: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25317870

0 Comments

Leave a reply

CONTACT US

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account